Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tutti pazzi per Felix, il “nuovo Eto’o” che sa dribblare anche il razzismo

Dalla doppietta all’episodio del video con la frase razzista: ma Felix resta con il sorriso

Proprio vero, la felicità è solo questione di attimi. E non basta neppure chiamarsi Felix per cercare di frenare il destino. Il giorno dopo che il mondo del calcio ha celebrato la scoperta di Felix Afena-Gyan, 18 anni, capace di segnare al Genoa una doppietta utile a far lievitare la Roma ai margini della zona Champions, è bastata una frase infelice “fuoricampo” in un video per far scoppiare un caso razzismo. Dopo che Felix aveva parlato della promessa di Mourinho di regalargli delle scarpe Balenciaga da 800 euro se avesse fatto gol, ieri c’è stata la cerimonia di consegna, immortalata via video. Lo Special One, sorridente, consegna all’emozionato ragazzo la scatola, ma mentre il ghanese scarta il pacco si sente una voce, che pare quella di uno storico dirigente giallorosso, che dice: “Ci sono le banane dentro”. La frittata era fatta, i social hanno stigmatizzato e la dirigenza ha provato a correre ai ripari, depurando il video dalla frase infelice. Troppo tardi. Da quello che ci risulta, l’episodio non è frutto di razzismo ma solo di goliardia riuscita male.

Così, proprio come a Marassi, è toccato a Felix “salvare” la Roma, con una lunga precisazione. “Non sono offeso dall’audio, che non è a sfondo razzista. Dal primo giorno che sono arrivato alla Roma sono stato accolto da tutti come in una famiglia. E i ragazzi hanno scherzato con me. Il motivo? Mangio tante banane e su questa cosa ci scherziamo a volte. Alla Roma mi sento a casa da quando sono arrivato. Penso che la gente si sia fatta un’idea sbagliata su ciò che ha sentito”.
E allora è bello poter parlare della storia del ragazzo, il cui primo pensiero dopo la partita col Genoa è stato, via social, per sua madre, rimasta in Ghana, a cui lei ha risposto così: “Ti amo, figlio mio. Sei il mio eroe, sono veramente orgogliosa di te”. Ieri della sua storia si è interessata anche la BBC. Chi lo conosce, lo paragona a Eto’o. Il resto è storia, con gli elogi di Pruzzo (“impressionante, è da 2 gol a partita”) e Vieri ( “è un attaccante vero”), seguiti a quelli dello Special One, uno che – da Drogba a Eto’o – con le punte africane ha trovato spesso feeling: “È umile, una qualità che non è facile trovare adesso nei ragazzi della sua età”. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa