Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il grande ritorno di Smalling: “Mi sono perso troppe partite”

Che partita del difensore inglese

È stato uno dei migliori in campo, ha dominato nella sua area, ha mostrato i muscoli a Zapata, al quale non ha concesso praticamente nulla, in un duello a volte ruvido. Ma anche questa volta Chris Smalling è stato ancora determinante in zona gol: seconda rete consecutiva, dopo quella di lunedì scorso contro lo Spezia.

È stato in dubbio per tutta la settimana, ma ha retto bene fino alla fine. Per la Roma un giocatore ritrovato: “Quella di Bergamo è stata una prestazione completa di tutta la squadra. Specialmente negli scontri diretti serviva questo passo avanti. Ci siamo messi tutti in gioco, abbiamo corso e combattuto e alla fine abbiamo avuto quello che meritavamo. Dopo la partita si può vedere chiaramente, c’è grande euforia, si festeggia e si riparte da qui perché questa è una grande vittoria. Ripartiamo da Bergamo“.

Nella ripresa il risultato è stato messo al sicuro dai gol di Smalling e Abraham. Per la prima volta in serie A due giocatori inglesi sono andati a segno nella stessa partita. Ora Smalling vuole lasciarsi alle spalle il periodo nero: “Lo scorso anno è stato difficile per me, aver giocato la partita precedente mi ha dato la spinta, sapevo di poterne disputare un’altra prima di Natale e ho avuto tempo per recuperare. Ora voglio restare a disposizione, ho già perso troppe partite. Quindi sono felice di poter essere utile alla squadra. È stato bello segnare ancora, da difensore me lo sono goduto (ride, ndr). Devo pensare ad aiutare i compagni, quindi i gol servono a tutti. Il duello con Zapata è una battaglia, ma è stata una sfida che ho accettato volentieri. È il bello della Serie A, giocare contro attaccanti diversi, con qualità differenti con cui devi fare i conti. Portare a casa una vittoria come quella di oggi è stato bellissimo“. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa