Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 23 dicembre 1995: prima Balbo, poi l’autogol di Ferrara. 0-2 alla Juventus (VIDEO)

I giallorossi vincono a Torino e agguantano i bianconeri in classifica. Gli uomini di Mazzone tornano alla vittoria dopo 14 anni


Il 23 dicembre del 1995 la Roma batteva la Juventus con il risultato di 0-2. La squadra di Mazzone, autrice di una partita splendida, rende più dolce l’antivigilia di Natale, agguantando i bianconeri in classifica a 24 punti. La gara inizia lentamente, visto anche il gelido freddo di Torino. Dopo aver iniziato a scaldare i muscoli, le squadre iniziano a giocare, specialmente i padroni di casa. Il canovaccio della partita sembra chiaro: la Juve attacca, la Roma riparte in contropiede. I padroni di casa creano molto, ma sprecano non centrando la porta di Cervone in diverse occasioni.

A pochi secondi dal fischio finale del primo tempo però, la Roma si accende trovando il gol del vantaggio: Di Biagio viene lasciato solo, e dalla distanza lascia partire un missile. Peruzzi compie il miracolo ma non trattiene, la palla arriva sui piedi di Balbo che (forse in fuorigioco) respinge in porta segnando il gol del momentaneo 0-1. La ripresa inizia male per la Roma, che al 54′ si ritrova in 10 per doppia ammonizione di Lanna. Mazzone perde un difensore ma ciò non mette in crisi la squadra giallorossa. Anzi: le occasioni per i romanisti sono tante, e il più delle volte sprecate. Serve lo zampino della fortuna per arrotondare il risultato: al 66′ Cappioli serve al centro Balbo. L’argentino viene anticipato da Ferrara, che in scivolala, infila la palla nella propria rete. La Roma torna a vincere contro la Juventus a Torino dopo 14 anni, mai regalo di Natale poteva essere più gradito dai tifosi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord