Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mancini: “Zaniolo-Scamacca, con loro possiamo vincere il Mondiale. Spinazzola fondamentale”

Roberto Mancini ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport parlando del playoff di marzo contro la Macedonia, soffermandosi anche sui giallorossi Zaniolo e Spinazzola. Di seguito le sue parole.

La migliore Italia correva con Spinazzola. Riattaccare lo Spina, finalmente, sarà importantissimo.

“Per noi è un giocatore fondamentale. A sinistra continua ad attaccare e riesce anche a difendere. È un po’ in ritardo rispetto al recupero previsto, ma siamo fiduciosi che a febbraio possa tornare in campo. Avrà quindi un paio di mesi per arrivare da noi in ottime condizioni di forma”.

Dai momenti difficili spesso si esce con una novità: Zaniolo? Valore aggiunto, atletico e tecnico?

“Zaniolo può dare tanto, alla Roma e alla Nazionale. Dipende tutto da lui: dalla sua condizione fisica e dalla continuità di gioco che saprà dimostrare”.

Sta giocando bene come attaccante. È l’evoluzione giusta?

“Per me non c’è stata evoluzione, nel senso che il suo ruolo ideale è quello in cui lo vidi per la prima volta nell’Under 19: mezz’ala d’attacco. Ed è quello che, in fondo, fa ora: attacca e difende. Poi può giocare un po’ più indietro nel 4-3-3 o un po’ più avanti, da seconda punta, come nella Roma. Ma le sue caratteristiche sono quelle: attaccare, difendere. Di sicuro non è un esterno. Quando attacca, con la porta in faccia, è devastante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa