Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La media-spettatori è da record: la Roma stacca tutti

Numeri da record per l’Olimpico giallorosso

Nei suoi auguri di Natale, José Mourinho lo ha chiamato “il rumore degli amici“. È il rumore che fanno i tifosi giallorossi “partita dopo partita, un supporto sempre fantastico, all’Olimpico o fuori casa“. Non sbaglia, il tecnico portoghese, perché la grande empatia che si è creata tra la squadra e la tifoseria va oltre i risultati, ed è testimoniata da numeri che lasciano poco spazio alle interpretazioni: dopo anni, è tornato l’amore tra la Roma e la sua gente.

Con 40.869 spettatori in media nelle partite casalinghe, la formazione giallorossa è seconda dietro al Milan(42.033) e davanti ai campioni d’Italia dell’Inter (40.628). Rispetto alle milanesi, pesa in negativo il match in più giocato con la capienza ridotta al 50% ma il riavvicinamento rispetto alle ultime stagioni, in cui la differenza di presenze medie è stata sempre superiore a 10 mila unità, è evidente.

Inoltre la media spettatori di questa stagione è la più alta dal 2004-05 (49.631); nello stesso periodo solo in altre 5 stagioni la media è stata superiore ai 40mila (41.933 nel 2005- 06, 40.975 nel 2009-10, 40.179 nel 2012-13, 40.910 nel 2013-14, 40.135 nel 2014-15). Grande merito va anche alla politica sui prezzi, popolari in tutti i settori e con pacchetti scontati, messa in atto dalla società, che è stata la prima in Italia a lanciare la campagna abbonamenti, l’unica tra le big. Una politica che ha dato i risultati sperati perché non solo la Roma è prima per percentuale di riempimento dello stadio – 91,4%, più del Milan (83,3%), dell’Inter (80,7%) e della Juventus (72%) – ma è anche l’unica squadra della Serie A a non essere mai scesa sotto i 40 mila spettatori da quando la capienza è stata ampliata al 75%. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa