Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Kamara, ecco il piano. Ma lo United spaventa Mou

Tiago Pinto vuole regalare il giovane mediano a Mourinho

“I migliori alleati sono quelli che non ragionano come gli altri“. Questo celebre verso di Coelho può tornare utile per spiegare una vicenda di mercato che sta occupando sempre di più i pensieri del gm giallorosso Tiago Pinto. Il nome è quello del mediano del Marsiglia, Boubacar Kamara, 22 anni e un futuro sul quale in molti sarebbero pronti a scommettere.

Anche il Marsiglia stesso in realtà, ma il centrocampista di origine senegalese ha altre idee per la sua carriera: dopo aver rifiutato il rinnovo e la corte del Newcastle in estate, il calciatore ha deciso di andare a scadenza a giugno per per scegliere l’offerta più vantaggiosa.

Ma tra commissioni e ingaggio, tra sei mesi diventerebbe un affare fuori dalla portata economica della Roma. Che quindi sta provando ad anticipare i tempi e regalare così a Mourinho il regista francese a gennaio. E quale sarebbe l’alleato? Strano a dirsi, ma è il Marsiglia. Infatti il presidente Longoria e il dt Friiohanno compreso il prezioso ruolo strategico che la Roma può recitare in questa vicenda.

I giallorossi possono evitare che nelle casse del club francese non entri un euro e hanno la possibilità di mandare in frantumi lo scenario più temuto dal Marsiglia, ovvero quello di veder partire Kamara senza aver generato la minima plusvalenza. Senza dimenticarsi dei riscatti di Pau Lopez e Under che ballano tra i due club: sedersi attorno a un tavolo e trovare la quadra può diventare realtà e un’impresa non così complicata.

Pinto ha capito di aver margine di manovra e sta parlando da giorni con l’agente Ghilas. Ma l’opera di convincimento non è così facile: il calciatore sa perfettamente che il Manchester Utd lo segue con grande attenzione da tempo ed è potenzialmente nelle condizioni di offrirgli un ingaggio superiore a quello che gli avranno modo di proporgli i giallorossi.

Ma il gm giallorosso vuole provarci e giocarsi tutte le carte a sua disposizione, subito dopo aver sistemato la vicenda Maitland–Niles: lì l’alleato è il ragazzo, che ha già detto sì alla proposta della Roma. Ostico come in ogni affare rimane l’Arsenal. Manovre, trattative e difficoltà di vario genere: ma Pinto ha individuato gli obiettivi e vuole andare fino in fondo. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa