Resta in contatto

Rassegna Stampa

Kamara o Grillitsch in mezzo. Maitland-Niles resta in attesa

Il punto sul mercato giallorosso

Oggi Trigoria torna a essere il solito quartier generale della Roma. E oltre a programmare il lavoro in vista della partita del 6 gennaio in casa del Milan con la prima seduta di allenamento post-natalizio, Tiago Pinto e Mourinho faranno anche il punto sulle varie trattative di mercato. Il giocatore individuato dalla Roma per andare a fare coppia con Karsdorp a destra è l’inglese Ainsley Maitland-Niles, 24 anni, con cui la Roma ha chiuso un accordo da tempo. Manca però l’intesa tra i due club, considerando che l’Arsenal vuole un obbligo di riscatto mentre la Roma chiede il diritto, per tenersi le mani libere e poter eventualmente decidere a giugno cosa fare. Inoltre c’è una differenza di valutazione anche sul costo dell’eventuale riscatto, con la Roma che offre dieci milioni di euro (oltre i 750mila euro per il prestito di sei mesi, da gennaio a giugno) e l’Arsenal che ne chiede invece 15.

E poi c’è la questione del centrocampista, che inizia a inquietare anche la piazza giallorossa. Da una parte si cerca di capire come mettere in piedi la trattativa per Kamara (ieri anche l’Equipe riportava la notizia come tra il presidente del Marsiglia Longoria e l’entourage del giocatore si vada verso un accordo per la cessione a gennaio), dall’altra si prova a vedere se la strada che doveva portare a Grillitsch è ancora valida e percorribile, In questa situazione, si deve cedere almeno uno tra Villar e Diawara, per incassare quei soldi da riversare poi sul nuovo arrivo. Ecco anche perché Kamara piace di più come idea rispetto a Grillitsch, perché con il Marsiglia ci sono in ballo anche i riscatti (già certi) di Pau Lopez e Under. Detto che resta in piedi l’interesse per Tousart dell’Hertha Berlino, nel frattempo a Pinto sono stati offerti in prestito Arthur (Juventus) e Vecino (Inter), ma entrambi non riscuotono grande interesse. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa