Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un anno in più per Ibanez

Il brasiliano prolunga di un anno

La Roma blinda Roger Ibañez. Le prestazioni del brasiliano hanno fatto maturare alcuni bonus presenti sul suo contratto, compresa una clausola per un rinnovo automatico fino al 2026 che allunga di un anno il legame del giocatore con il club giallorosso.

Con i premi – uno è scattato alla trentesima presenza – l’ingaggio di Ibañez è passato da 900mila euro a 1.4 milioni netti a stagione, cifra che continuerà a percepire anche nei prossimi anni. La fumata bianca è arrivata prima di Natale, con la benedizione di Mourinho, e ha sancito un aumento di stipendio conquistato grazie alle prestazioni del difensore sul campo.

Il nuovo contratto, dopo le firme, verrà depositato in Lega, che in base ad una nuova normativa varata per motivi di trasparenza impone di aggiornare i contratti con lo stipendio lordo “rettificato” in caso di maturazione dei bonus previsti negli accordi precedentemente comunicati.

Resta intatta invece la clausola rescissoria da 80 milioni di euro inserita nel rinnovo firmato lo scorso marzo. Una cifra importante per un giocatore che la Roma considera centrale all’interno del progetto ma che da mesi è seguito con attenzione soprattutto in Premier League e che, in caso di necessità, può rappresentare un tesoretto.

Ma solo per il futuro, perché almeno a gennaio Ibañez non si muove e la Roma, grazie al rinnovo, aumenta la sua forza contrattuale. Un altro intoccabile dello Special One che fa gola in Inghilterra sembra essere Jordan Veretout: ieri dalla Francia è filtrata l’indiscrezione di un interessamento del Newcastle che avrebbe pronta un’offerta per il numero 17. In piedi c’è anche la trattativa non facile per il rinnovo in giallorosso.

Si vedrà. L’obiettivo di Tiago Pinto sarebbe quella di affiancare a Veretout il connazionale Kamara, in uscita dal Marsiglia. Per il ventiduenne però la concorrenza è elevata – Juventus e Manchester United sono in prima fila – e il suo sbarco nella Capitale sembra tutt’altro che scontato. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa