Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, ora il Covid fa paura

Sono 3 i calciatori positivi nella Roma, ora il virus fa tremare Mou

Fiato sospeso a Trigoria in vista del big match di dopodomani a San Siro con il Milan. A preoccupare José Mourinho questa volta non è l’infermeria – l’unico infortunato è Spinazzola – ma il prossimo ciclo di tamponi a cui verrà sottoposto il gruppo squadra.

Ai primi due casi di positività al Covid riscontrati nei giorni scorsi – uno è Borja Mayoral – si è aggiunto anche Daniel Fuzato, che da ieri si trova in isolamento domiciliare: sale dunque a tre il numero dei positivi tra i giocatori. La speranza al Fulvio Bernardini è quella di non incappare in altre brutte sorprese a poche ore dalla gara con i rossoneri. Se non dovessero esserci ulteriori defezioni a Milano lo Special One potrà comunque schierare l’undici titolare, con Mkhitaryan che dovrebbe lasciare spazio a Pellegrini dal 1′.

Nel frattempo proseguono i tentativi sul mercato per cercare di consegnare il prima possibile a Mourinho un paio di elementi in grado di equilibrare la rosa. Dopo aver raggiunto l’intesa con Maitland–Niles però Tiago Pinto non ha ancora trovato un accordo con l’Arsenal, che per lasciar partire il giocatore chiede quindici milioni per un prestito con obbligo di riscatto che scatterebbe dopo poche presenze. La Roma invece punta a spendere massimo 10 milioni e preferirebbe inserire un semplice diritto di riscatto. A centrocampo invece la strada per arrivare a Kamara si fa sempre più impervia.

In attesa di un occasione abbordabile, il general manager giallorosso sta provando a piazzare alcuni colpi in uscita: Villar piace all’Inter ma la Roma non sembra interessata ad uno scambio di giocatori mentre la convocazione di Diawara in Coppa d’Africa rende più complicata la sua partenza. Valigie pronte anche per Reynolds e Borja Mayoral, il prestito di Calafiori al Cagliari invece è stato messo in standby in attesa di capire quando tornerà Spinazzola. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa