Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Milan-Roma, Pioli: “Bellissimo segnale da parte dei ragazzi”

Il tecnico dei rossoneri Stefano Pioli commenta la vittoria contro la Roma ai microfoni di Dazn

Il tecnico rossonero Stefano Pioli si è presentato ai microfoni di Dazn nel post partita di Milan-Roma. Ecco le sue vittorie dopo la vittoria dei suoi:

Cosa la soddisfa di più?
“Ero sicuro che avevamo fatto una buona sosta. La squadra aveva bisogno di rifiatare un attimo ed è giusto così. Questo è un periodo particolare, dove tutti i giorni ricordiamo di essere preparati e attenti perché possono arrivare imprevisti. Vedere la squadra così pronta è un bel segnale per il proseguo”.

Leao è stata una chiave.
“Il suo rientro è importante, anche Rebic sta bene ed è un rientro importante. Tutta la squadra però ha giocato bene e ha interpretato la partita. È chiaro però, da sempre, che la qualità è determinante”.

Quanto è importante che chi entra dalla panchina si faccia trovare pronto?
“Ci lavoriamo tanto. Io, il club, i dirigenti e tutti i giocatori e tutto l’ambiente. È un lavoro continuo. È un piacere allenare questi giocatori perché hanno voglia di migliorare. Possono sbagliare ma c’è voglia. È un vero piacere allenarli. Adesso dobbiamo recuperare le energie per domenica”.

Dove vedi meglio Kalulu?
“In una difesa a 3 per le sue caratteristiche. È un ragazzo incredibile, è intelligente, è bravo, è veloce. Non mi sorprende più perché ormai lo conosco. Si applica tanto, è arrivato in silenzio e ha lavorato duro. Sono contento per lui e per Gabbia che hanno giocato bene contro un attacco forte come quello della Roma. La difesa ha lavorato bene, come tutta la squadra”.

Quanto è importante questa vittoria?
“Sono tre punti importanti, ma solo se daremo continuità la prossima partita. Il nostro obiettivo è migliorare i punti dell’anno scorso, siamo partiti bene, ma dobbiamo continuare così”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario