Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Diawara apre alla cessione, la Roma tenta l’ultimo colpo

Il guineano pronto a lasciare la Roma

Ieri c’è stato il primo incontro tra Tiago Pinto e l’agente di Diawara, Daniele Piraino ed oggi ne è previsto un altro a cui dovrebbe partecipare lo stesso giocatore. Al momento interessa a Venezia e Sampdoria in Italia, al Galatasaray e a tre club francesi. Deve decidere Diawara, che avrà il massimo della collaborazione dalla Roma e, se necessario, anche in termini economici per il pagamento di una parte dell’ingaggio fino a giugno.

Oggi il club si augura di raggiungere un punto di incontro per poi dedicarsi, se possibile, al colpo finale: si cercano occasioni alla Sergio Oliveira, sempre per il centrocampo. Non Xhaka, che tornerà tra i pensieri in estate, né Banega, che non rientra nei parametri della Roma. Se non si sblocca Diawara, ogni ipotesi di lavoro diventa insostenibile.

Intanto per la prossima stagione il club osserva il panorama dei difensori: piacciono Facundo Medina del Lens e Senesi del Feyenoord. Inoltre, con la possibilità di ritrovarsi ancora fuori dalla Champions League, la Roma dovrà considerare anche qualche operazione in uscita. Oltre a discutere dell’eventuale rinnovo di Mkhitaryan, al momento improbabile per questioni d’età e motivazionali, i Friedkin sono disposti a valutare offerte per Jordan Veretout: il procuratore spinge per un rinnovo, che però non è nei programmi della società. Se nei prossimi mesi arriva una proposta da 25 milioni è plausibile una separazione amichevole. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa