Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Vitesse-Roma 0-1: sofferenza e cinismo. L’Olanda è giallorossa

La Roma sbanca il GelreDome

RUI PATRICIO  6

Due buoni interventi e una follia che poteva costare il gol di Openda sullo 0-0.

Trigoria

MANCINI  6,5

Il capitano di serata lotta e vince ogni duello. Ammonito (strano…) nel finale di gara.

KUMBULLA  6,5

Grintoso, cattivo e astuto: l’albanese cresce di partita in partita.

IBANEZ  6

Qualche sbavatura, che fa parte del suo dna, ma gara di quantità e concentrazione.

MAITLAND-NILES  6

Non dà nell’occhio ma non sbaglia la partita, anche se gioca un primo tempo dove la Roma soffre parecchio.

VERETOUT  5,5

Il francese continua a non convincere. Si salva sulle battute dei calci da fermo.

SERGIO OLIVEIRA  6,5

Primo tempo di sofferenza, dove non riesce a gestire i ritmi del possesso. Poi il gol (e che gol), la prestazione che sale fino al rosso (secondo giallo esagerato).

MKHITARYAN  6,5

L’armeno rimane il più lucido della banda giallorossa, di movimento e pensiero, ma anche nel pressing.

VINA  5,5

Frastornato dall’ambiente, l’uruguaiano va in difficoltà dalla sua parte.

ABRAHAM  6

Houwen gli toglie un grande gol, nella ripresa spreca una buona occasione. Ma sta bene e lo si vede in campo.

Zaniolo

ZANIOLO  5

Non la vede mai, corre e lotta senza combinare molto. Sostituito, va direttamente negli spogliatoi.

CRISTANTE 6,5

Entra nel secondo tempo e la squadra ne beneficia.

KARSDORP  6

Torna in patria e gioca un secondo tempo di ordine, con qualche sbavatura in fase di marcatura.

EL SHAARAWY  6,5

Entra con gamba, voglia e qualità. Un Faraone in Olanda, un’ottima notizia per Mourinho.

PELLEGRINI  6

Entra nel finale, mette a disposizione della squadra leadership e corsa.

SMALLING  6

Entra nei minuti finali.

MOURINHO  7

Primo atto del doppio confronto a favore dei giallorossi. Un piede nei quarti, terza vittoria consecutiva e terzo clean sheet. Sta nascendo la vera Roma di Mou?

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma