Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Veretout-Roma, è finita. Un addio lungo quattro mesi: “Se non firmo, non gioco”

Veretotut e la Roma sono ormai pronti a dirsi addio a fine stagione: e spunta un retroscena con Mourinho

La tensione tra Jordan Veretout e la Roma è altissima. La cessione a luglio sembra scontata, ma Mourinho valuta anche provvedimenti nel breve-medio periodo, d’accordo con il GM Tiago Pinto. Per il momento, è certa soltanto l’indisponibilità del francese per la gara contro la Sampdoria.

La vicenda legata al party della moglie è solo l’ultimo tratto di uno strappo che si è creato quando le parti si sono messe al tavolo delle trattative per il rinnovo. Tiago Pinto si era detto disposto a onorare a una promessa precedente alla sua gestione, prolungando l’accordo in scadenza 2024 a una cifra sui 3,5 milioni netti a stagione. Ma Veretout, secondo quanto emerge dalle parti, ha fatto saltare il tavolo perché voleva uno stipendio più alto: dopo aver valutato i contratti di Abraham e Pellegrini, i più pagati della squadra, voleva essere trattato alla stessa maniera, ritenendo di meritare 6 milioni.

Spunta anche un retroscena importante: il calciatore si sarebbe reso protagonista di un duro sfogo con Mourinho: “Se non ci mettiamo d’accordo sul contratto, non gioco più“. Ha deluso la Roma in campo e fuori. Lo scrive il Corriere dello Sport.

45 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

45 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa