Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

CicloNico e in Europa c’è solo la Roma

Tolto di mezzo l’incubo Bodø, ora in semifinale c’è il Leicester

Il Messaggero – C’è solo la Roma in Europa, unica e sola, nel nome di Mourinho e dei suoi gioielli Abraham e il ritrovato Zaniolo. I giallorossi vanno avanti spediti, scortata dal suo popolo, che ha riempito l’Olimpico di colori, bandiere e passione: ora ci sarà il Leicester, quello della favola di Claudio Ranieri.

Delle italiane c’è solo la Roma, una medaglia sul petto di Mourinho, con la Conference che assume un valore inestimabile e va vissuta fino in fondo. Vuole essere lui il primo a scrivere il nome nell’albo d’oro. Se contro il Leicester rivedremo la Roma di ieri sera, questo Zaniolo, ogni sogno è lecito.

Tolto di mezzo l’incubo Bodo, ma è sembrato tutto naturale e facile. I tre gol arrivano in 29 minuti: prima Abraham segna un gol da rapace, poi Zaniolo due volte, con due magie. Il secondo gol nasce da un passaggio geniale di Pellegrini dopo un fraseggio rapido tra Smalling, Cristante, Abraham e Mkhitaryan.

Poi il terzo gol su assist di Zalewski, con un cucchiaio alla Totti, presente in tribuna, felice e sorridente. È la notte perfetta, ma Mourinho non si accontenta e nel secondo tempo arriva anche il quarto gol, con un bolide terra-aria. La notte di Zaniolo e della Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa