Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Boniek: “Zalewski mi sta sorprendendo, Zaniolo è un numero 9”

Boniek Abraham

Zibì Boniek, ex centrocampista della Roma e attuale vicepresidente UEFA, ha parlato su Centro Suono Sport, soffermandosi soprattutto su due giocatori giallorossi, Zalewski e Zaniolo:

Un giudizio su Zalewski?
«Zalewski mi sta sorprendendo. Ha sempre avuto le qualità, ha buona gamba, buon palleggio, è buono tecnicamente, ha sempre le soluzioni giuste, anche perché lui nasce come numero 8, numero 10. Mourinho capisce di calcio e gli ha assegnato una posizione dove lui ha possibilità di crescere in maniera forte solo che tra poco in quella zona di campo tornerà dall’infortunio uno dei migliori terzini sinistri».

Zaniolo?
«L’altro giorno sono stato a Nyon, al Comitato Esecutivo dell’UEFA, e ho parlato con Gravina, presidente della FIGC, della Roma. Lui ha detto una cosa che condivido pienamente: “Nessuno lo ha mai utilizzato, è il classico numero 9”. Zaniolo è forte, vede la porta, egoista nella maniera giusta, vince l’uno contro uno, buono di testa, sa coprire la palla. E se ci penso è molto simile a Vlahovic. Se lui parte da destra da metà campo arriva in area di rigore ed è già stanco, invece come attaccante è pericoloso perché copre bene la palla, riesce a fare i dribbling sullo stretto, ha buon tiro e colpo di testa. La Roma ha giocato quasi con due punte e ci sono delle soluzioni: Zaniolo può giocare ala oppure da numero 8».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News