Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Tiago Pinto: “Mourinho carico e motivato. Rinnovo Micki? La voglia è comune”

Le parole del gm giallorosso

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di Dazn a pochi minuti da Inter-Roma. Ecco le sue parole:

Come si è avvicinato Mourinho a questa partita?
“Come sapete un allenatore deve parlare tanto durante la stagione, noi purtroppo siamo l’unica squadra in Europa che obbliga l’allenatore a parlare troppo, dobbiamo gestire. L’ho sentito carico e motivato, sappiamo che è una partita speciale per lui perché ha fatto la storia dell’Inter ma sono sicuro che nessun romanista vuole vincere più di Mourinho. In questa settimana l’ho sentito carico e motivato per portare a casa i 3 punti”.

Quali sono i vostri piani sul mercato?
“Se posso prendere un centrocampista come te (rivolto ad Ambrosini, ride ndr). Dobbiamo vedere come finiamo, possiamo andare in tutte le competizioni d’Europa. Dobbiamo vincere le partite che ci restano, la strategia che abbiamo è chiara dall’inizio e questo non cambierà”.

Novità sul rinnovo di Mkhitaryan?
“No, capisco le vostre domande ma non voglio parlare di mercato prima del match. La voglia delle parti è la stessa dell’anno scorso, c’è una tempistica che abbiamo definito e non ci sono problemi”.

Come lavora insieme a Mourinho per progettare il futuro?
“Sappiamo che il contributo di Mourinho è anche fuori dal campo, abbiamo bisogno di costruire una squadra professionista. Abbiamo una chimica molto importante, ogni giorno vedo la Roma e non ho dubbi che sarà più preparata per vincere. Quando mi chiedono com’era la Roma pochi mesi fa, io dico che serve tempo. Siamo tutti più consapevoli di Mourinho, stiamo costruendo un club che in futuro sarà molto vicino a vincere di più di quanto fatto in passato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra