Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “A Leicester con l’intenzione di prendere quello che ci meritiamo” (VIDEO)

Le parole del tecnico giallorosso: “L’obiettivo è staccare il biglietto per l’Albania nella gara di ritorno”

José Mourinho è stato intervistato ai microfoni del club ed ha parlato di Leicester-Roma. Di seguito le dichiarazioni del tecnico giallorosso.

“Quando arrivi in semifinale pensi di avere il 50% di possibilità di conquistare la finale e il 25% di vincere la competizione. Quando arrivi in finale hai lo stesso sogno e la stessa motivazione dell’avversario. Non dobbiamo nasconderci, giochiamo contro una squadra del campionato più forte in Europa. Hanno due semifinaliste di Champions e una di Europa League. Hanno giocatori bravi, un allenatore capace però noi siamo bravi. Abbiamo l’intenzione di arrivare al ritorno con uno stadio pieno e con la possibilità di giocarci la finale“.

Giocare in Inghilterra è difficile, ma la Roma è cambiata tanto…
“Sì, siamo più squadra. La sconfitta contro l’Inter non credo possa frenare la nostra fiducia e il nostro gioco. Come ho detto, il risultato è stato simile al 2-0 di Coppa Italia ma abbiamo avuto un controllo del gioco, una stabilità e una qualità senza paragoni. Il risultato poteva essere diverso. Il Leicester ha qualità ma siamo consapevoli dei nostri mezzi. Vogliamo ottenere un traguardo che squadra e staff meritano. E lo meritano più di tutti i tifosi. Andiamo lì con l’intenzione di prendere qualcosa che meritiamo. Nel calcio può succedere di perdere pur non meritando. Noi dobbiamo arrivare in finale”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra