Resta in contatto

Rassegna Stampa

Giannini: “Partenza a mille poi la differenza la farà Mou”

Le parole del capitano dell’ultima finale europea giallorossa

Trentuno anni fa, contro l’Inter di Trapattoni, andò in scena la finale di Coppa Uefa, l’ultima in campo europeo della storia della Roma. Il capitano giallorosso era Giuseppe Giannini. Queste le sue parole:

Dopo 31 anni, la Roma ha la possibilità di tornare a giocare una finale europea. Che effetto le fa?

“È vero, è passato tanto tempo, non c’è dubbio, ma la Roma ha giocato tante partite importanti. Penso alla vittoria con il Barcellona, alla semifinale con il Liverpool, ora il Leicester. Non mi sembra passato quindi troppo tempo dall’aver visto una Roma forte e competitiva in campo europeo”.

Con il Leicester si riparte dall’1-1 dell’andata. Pareggio giusto o la Roma poteva fare qualcosa di più?

“Inutile recriminare su quanto fatto, l’importante è stasera: è la finale. Spesso ci dimentichiamo degli avversari: in Inghilterra inconsciamente, dopo il gol fatto, hanno avuto paura di subire il pareggio. Capita quindi che ti metti in una posizione d’attesa e puoi andare in difficoltà”.

Ci sarà un Olimpico bollente. Sarà un fattore da gestire per i calciatori o solo una spinta in più?

“Ho ancora addosso la sensazione di calore, delle grida e dell’entusiasmo che si sprigiona in gare come questa. La spinta ci sarà ma la squadra dovrà essere brava a gestirla: il contesto è una cosa, la gara un altro. Cuore caldo e mente fredda, devi essere lucido, devi sapere leggere la gara, non farti condizionare dallo stadio. Aggressività e voglia, sì, ma tanta freddezza, solo così se ne esce”.

Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa