Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Decide Abraham, Olimpico in delirio: ora il Feyenoord per alzare la Coppa

Tammy Abraham con un colpo di testa regala un sogno ai tifosi giallorossi: in finale sarà Roma-Feyenoord

Un rombo di tuono e poi brividi infiniti. Quelli che servono per aspettare i cento minuti di volo utile per atterrare su un sogno: la possibilità di tornare a vincere un trofeo che manca da 14 anni, senza contare che da 31 mancava da una finale europea. La Roma batte il Leicester con un 1-0 santificato dalla rete di Abraham e approda all’ultimo atto di Conference League. Per farlo, il 25 maggio, l’attende la trasferta più breve delle tante che l’hanno sballottata in giro per l’Europa minore per arrivare semplicemente in Albania, a Tirana, dove il moderno stadio da 21.000 posti sarebbe inadatto a ospitare persino i soli tifosi giallorossi. Ma tant’è.

La sfida sarà col Feyenoord. L’unico ostacolo che separa José Mourinho, alla sua ottava finale internazionale, da un ennesimo traguardo storico: essere – insieme a Udo Lattek e Giovanni Trapattoni – l’unico allenatore in grado di assicurarsi le tre diverse coppe europee. Tutto questo è reso possibile per la magica serata che la sua Roma ha regalato a un Olimpico tutto esaurito. Davanti a quasi 65.000 spettatori “in campo” – proprio come voleva lo Special One – la squadra giallorossa supera con merito un piccolo Leicester, che saluta l’Europa davanti gli occhi di sir Ranieri. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa