Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Spinazzola: “Non vedevo l’ora di tornare in campo. Sognavo questo momento da 10 mesi”

Le parole del laterale giallorosso al rientro dal lungo infortunio

Leonardo Spinazzola ha parlato ai microfoni di Dazn al termine di Fiorentina-Roma, gara nella quale è tornato in campo dopo il grave infortunio della scorsa estate. Ecco le sue parole:

Stavamo facendo il conto dei giorni e dei mesi
Io ho perso il conto, ho letto 311 giorni.

Al di là della serata negativa per il risultato, hai pensato a quei 10 mesi mentre entravi in campo?
No, sinceramente no perché da circa un mese mi sento bene, tranquillo, a mio agio in campo e non vedevo l’ora di entrare in campo. So che per me 3,4 minuti sono importanti e per queste tre partite che mancano per me è importante ogni minuto che gioco.

Ho vissuto la sua esperienza, l’importante è stato il contatto con i compagni di squadra in quel momento, ti senti solo e devi stare lontano dalla squadra molto tempo. Vedrai che sarai ancora più forte. (parole di Ciro Ferrara, ndr)
Posso diventare più forte e me lo auguro.

Tirana è una motivazione in più?
Sì, speravo che ci arrivavamo per la Roma, per i tifosi e anche per me. È importante solo sperare e sognare di giocare quella finale, di sentirmi di nuovo me stesso e di dare un contributo alla squadra. Ora dobbiamo fare queste ultime due partite, è importante finire bene il campionato.

Quanto stai sentendo questa intervista, eri arrivato asciutto e stai sudando.
Mi sono fatto la doccia al volo…

In collegamento Di Biagio e Candela: bentornato campione, ti aspettiamo (parole di Candela, ndr)
Grazie, un abbraccio a voi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra