Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Juric: “Sarebbe un peccato non fare una buona partita contro la Roma”

Le dichiarazioni del tecnico granata in conferenza stampa

Ivan Juric ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Torino-Roma. Di seguito le dichiarazioni del tecnico dei granata.

Domani si chiude la stagione contro la Roma. Che cosa vorrebbe vedere?

“Vorrei vedere le solite cose. Sarebbe un peccato non fare una buona partita, anche se siamo arrivati alla fine e ci sono delle problematiche”

Domani Brekalo giocherà?

“Io lo so da due mesi che non sarebbe rimasto, perché vorrebbe fare un’altra esperienza. A lui devo solamente dire grazie, perché ha lavorato da professionista. Ha lavorato tanto. Ognuno fa le sue scelte. Io ripeto la conoscevo da due mesi e non è una sorpresa. Non avevo dubbi sul suo impegno o su altri ragazzi che magari non rimarranno, quindi lo tratterò come sempre. Se non giocherà sarà per scelta tecnica”

Vojvoda ci sarà contro la Roma?

“Sarà difficile. Lui non si tira mai indietro e giocherebbe anche con una gamba. Il problema più grande è che ancora non riesce a correre normalmente“.

Contro la Roma sarà un’occasione per Gemello e Demba?

“Gemello no, perché giocherà Berisha. Demba è in ballottaggio con Praet”.

Belotti domani saluterà il Torino?

“Non sappiamo ancora, ci dovrà dare una risposta dopo la partita e a quel punto lo sapremo. Nelle ultime settimane abbiamo fatto le cose giuste. Lui adesso deve decidere. Sarà in questi due giorni che prenderà la decisione, poi il discorso sarà chiuso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario