Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Dessers: “Sappiamo cosa siamo in grado di fare. Non abbiamo paura della Roma”

Cyriel Dessers ha rilasciato un’intervista a pochi giorni dalla finale contro la Roma

Cyriel Dessers, attaccante del Feyenoord, ha rilasciato un’intervista al sito dell’Uefa a pochi giorni dalla finale di Conference League. Ecco le sue parole:

Sulla finale:
“Non vedo l’ora di scendere in campo. Giocare le finali è il massimo che uno sportivo possa aspirare in carriera, specialmente partite come queste. Non vedo l’ora che arrivi quel giorno e spero di giocare la migliore partita della mia vita. Siamo fiduciosi. Non abbiamo paura del blasone della Roma. Siamo consapevoli delle nostre qualità. Sappiamo cosa siamo in grado di fare. Naturalmente dovremo dare il massimo, ma sappiamo anche che quando ci riusciamo, possiamo battere chiunque. Sappiamo cosa aspettarci. Siamo ben preparati. Se facciamo il nostro e giochiamo al meglio, tutto è possibile”.

Sull’essere il capocannoniere della competizione:
“È una sensazione fantastica. Andare in doppia cifra per un attaccante è la realizzazione di un lavoro iniziato prima dell’inizio della stagione. Quando ci riesci in una competizione europea, è ancora più speciale. Con questi gol entri in una ristretta cerchia di giocatori che hanno lasciato il segno in questa stagione, non solo a livello europeo ma anche in generale col proprio club. Al Feyenoord sto scalando le classifiche, il che è molto gratificante. È grazie alla squadra che riesco a trovarmi in quella posizione e segnare quei gol. Non mi riferisco solo agli assist o ai passaggi che ricevo dalla squadra, ma anche al lavoro difensivo. Noi preferiamo pressare molto alto, il che significa che i nostri difensori si trovano spesso in situazioni di uno contro uno o giocano con molto spazio dietro. Magari sono io a esultare in maniera più evidente dopo ogni gol, ma in realtà è l’intera squadra che lo rende possibile, per quanto possa sembrare un luogo comune. Devo essere il punto di riferimento e trovarmi al posto giusto”.

Sul suo stile di gioco
“Penso di essere un attaccante abbastanza completo. Molti attaccanti sono molto alti, o molto veloci, o eccellono in altro. Io non ho queste caratteristiche estreme. Posso giocare con le spalle alla porta, posso tenere la palla, posso correre in profondità verso la porta, posso segnare con il destro e con il sinistro; quando sono davanti alla porta, ad esempio, non ho dubbi a tirare col sinistro. In questa stagione ho segnato anche qualche bel gol di testa, quindi penso di essere un giocatore a tutto tondo senza essere un fuoriclasse in nulla. Ma posso sempre migliorare, ovviamente, e questo è un aspetto su cui lavoro duramente ogni giorno”.

Sui tifosi del Feyenoord
“Sono cresciuto guardando l’Eredivisie e ogni volta che vedevo giocare il Feyenoord, pensavo: “Wow, è uno stadio fantastico. Mi piacerebbe giocarci”. Poi i tifosi sono unici nel loro genere. Sono decisamente all’altezza della loro reputazione. Già dall’inizio ho avuto la sensazione che avremmo potuto avere un legame speciale. Loro sono incredibilmente affettuosi e io ricambio il loro affetto, quindi è una cosa reciproca. Il mio legame con i tifosi del Feyenoord non lo dimenticherò mai. Pensate che vogliono trattenermi così tanto che hanno avviato crowdfunding. Dovremo aspettare per vedere se ci riusciranno”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario