Resta in contatto

Conferenze stampa

Mancini: “Non bisogna temere nessuno. È la partita più importante della mia carriera”

Le parole del calciatore giallorosso in conferenza stampa

Gianluca Mancini ha parlato nella conferenza stampa di vigilia della finale di Conference League a Tirana, in programma domani alle 21. Queste le parole del difensore giallorosso:

Quali elementi possono creare difficoltà alla squadra?

“Non bisogna temere nessuno, abbiamo studiato il Feyenoord. Dal centrocampo in su hanno qualità, le finali si giocano tra le due squadre migliori, direi un 50 e 50. Sappiamo ciò che dobbiamo fare”.

Come giocherai?

“Mi stai chiedendo se prenderò il giallo? (ride, ndr). Rispettiamo l’avversario e giocheremo con concentrazione”.

Un messaggio per i tifosi?

“Una parte sarà qua, una all’Olimpico e come ringraziamo dobbiamo fare tutto per portare a casa qualcosa di unico”.

Avete parlato con Kumbulla che giocherà la finale in casa? Le parole di Mourinho?

“Sono vere, se fossimo stati quinti, magari avremmo giocato le ultime partite in maniera diversa. Ci siamo complicati tutto da soli, dovevamo vincere per forza a Torino. Domani è la finale e possiamo giocare anche 300’ ma daremo tutto. La stanchezza non si deve far sentire, veniamo da due settimane dove abbiamo fatto una partita a settimana, stiamo bene. Kumbulla ci ha detto subito che i tifosi albanesi tiferanno per noi, siamo molto felici di questo”.

Quando avete capito che sareste potuti arrivare in fondo?

“Da inizio stagione pensavamo che l’obiettivo minimo fosse la finale. A parole è facile, tutti pensavano fosse la coppa dello scherzo, dopo la batosta di Bodo abbiamo capito che dovevamo dare sempre il massimo. Dopo abbiamo affrontato ogni partita per raggiungere la finale, abbiamo iniziato questo lavoro ad agosto, ora ci manca un passo per qualcosa di unico”.

È la partita più importante della carriera?

“Sì, per me è la partita più importante”.

Tammy ti ha chiesto di fermare Dessers?

“Lo ha chiesto a tutti (ride, ndr). Ho studiato Dessers, noi abbiamo un attaccante più forte che è Tammy, spero che alle 23:30 sia il capocannoniere della competizione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa