Resta in contatto

Conferenze stampa

Pellegrini: “Sarà una partita difficile. Spero che domani possa diventare uno dei giorni più belli della mia vita”

Le parole del capitano giallorosso in conferenza stampa

Lorenzo Pellegrini ha parlato nella conferenza stampa di vigilia della finale di Conference League a Tirana, in programma domani alle 21. Queste le parole del centrocampista giallorosso:

Cosa ha la Roma in più rispetto al Feyenoord?

“È una finale, sarà una partita difficile. Non mi sento di dire che abbiamo qualcosa in più o ce l’hanno loro, faremo di tutto per vincere la partita. Ce la giocheremo come ha detto il mister, lo faremo con determinazione e cercheremo di coronare il percorso di crescita con questa vittoria”.

Cosa dirai ai compagni?

“Intanto li ringrazio, cercheremo di vincere. Ci terrò a ringraziarli perché è stato un anno bellissimo, tutti si sono messi a disposizione, ci siamo sacrificati l’un l’altro, questo fa un gruppo vero. L’ho detto da un paio di settimane, avevo la sensazione che finalmente fossimo una squadra vera, ho questa sensazione da un po’ di tempo, tutto è molto più semplice”.

Un messaggio per i tifosi?

“Giochiamo una partita importantissima per loro, daremo tutto per vincere il match”.

14 anni fa l’ultimo trofeo della Roma: come hai festeggiato?

“Ero con la mia famiglia giallorossa, eravamo tutti insieme. Non avrei mai pensato di essere qui e giocare questa partita così importante per la società e per i nostri tifosi. Quest’anno abbiamo fatto un ottimo percorso che ci ha fatto crescere tanto, poi a chi non piacerebbe portarsi qualcosa a casa che rimanga per sempre? La partita va presa con gioia e serenità, non vuol dire non essere concentrati, lo siamo. Spero che domani possa diventare uno dei giorni più belli della mia vita”.

Hai una responsabilità in più da capitano e romano?

“Sì, sono belle responsabilità. Se vuoi vincere qualcosa, diventa normale prendersi delle responsabilità, sarei contentissimo domani di vincere il match, ma credo che legare questa cosa solamente a me perché sono capitano e nato a romano sia sbagliato, la squadra non la fa un giocatore solo. La squadra sono tutti i componenti, quando dico che siamo migliorati, mi riferisco a tutte le persone attorno a noi. Se domani dovessimo vincere, penseremmo già a vincere altro”.

È la partita più importante della carriera?

“Per me sì, potrebbe essere il primo trofeo, poi con questa maglia è importante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa