Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini e Mancini in coro: “La gara più importante della nostra carriera”

Le parole del capitano giallorosso e del suo vice alla vigilia della finale

E’ la partita più importante della nostra carriera” rispondono in coro Lorenzo Pellegrini e Gianluca Mancini, capitano e vice della Roma, che stasera a Tirana si gioca la Conference League contro il Feyenoord. Per il centrocampista, romano e romanista, è una responsabilità in più rispetto al resto della squadra. “E’ la prima finale che ho la possibilità di giocare e in più con questa maglia. E’ una bella responsabilità, ma se vuoi arrivare ad un certo punto in cui vincere diventa la normalità, non puoi sottrarti. Stiamo diventando una vera squadra e se dovessimo vincere, questo gruppo penserebbe da subito a conquistare un altro trofeo“.

I tifosi sono stati unici” dice Gianluca Mancini. “Una parte sarà qua e una parte all’Olimpico. L’unica cosa che possiamo fare è dare tutto in campo. Dall’inizio della stagione il nostro obiettivo era la finale. A parole è facile, ma siamo partiti in girone pensando fosse “La coppa dello scherzo”, poi abbiamo preso la batosta a Bodo. Ora ci manca l’ultimo sforzo per fare qualcosa di unico. Non bisogna temere niente in una finale: abbiamo studiato il Feyenoord. Le possibilità sono pari, possiamo anche giocare 300 minuti per la vittoria, non si deve sentire la stanchezza“. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa