Resta in contatto

News

Tiago Pinto: “I dettagli fanno la differenza, l’eccellenza è il nostro primo pensiero”

Tiago Pinto è stato ospite di una master class nel Summit 2022 della Liga BBVA messicana, giunto alla sua seconda edizione. Queste le dichiarazioni dell gm della Roma:

“Stiamo assistendo a un mondo competitivo in cui i piccoli dettagli fanno la differenza. Quando sono arrivato il mio primo passo è stato conoscere le persone, poi la prima cosa è imporre il modello di lavoro. Quello che cerco di fare è capire i processi e renderli migliori ed efficienti. Dopo aver controllato i risultati, l’eccellenza rimane il nostro primo pensiero”.

Tiago Pinto si è poi soffermato sull’importanza dei legami con tutti gli altri ambiti all’interno del club:

“Oggi abbiamo molteplici aree da sviluppare, è molto più che vedere i giocatori e fare trattative. La comunicazione con tutti i reparti è molto importante. Cerchiamo di dare molto peso alla tecnologia per aiutarci a prendere decisioni migliori. L’Academy e lo scouting sono molto importanti per trovare i giocatori migliori, lavoro con loro e a volte dico no a tante possibilità che abbiamo per scegliere quella migliore”.

E alla domanda su quale sarà la più grande sfida dei prossimi anni:

“L’equilibrio. Un mercato tra quindici squadre è ancora in costruzione, concentrando tutto il talento. Vediamo già che la UEFA sta prendendo decisioni riguardo ai limiti della rosa. Sono misure positive, perché il calcio è per la gente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News