Resta in contatto

Conferenze stampa

Matic: “Mourinho una delle ragioni per essere qui. Non vedo l’ora di iniziare” (VIDEO)

Il nuovo centrocampista giallorosso si presenta in conferenza stampa. Le sue dichiarazioni

Nemanja Matic è ufficialmente un nuovo giocatore della Roma.Il centrocampista serbo si presenta oggi in conferenza stampa presso il centro sportivo “Fulvio Bernardini“. Il serbo arriva svincolato dal Manchester United e rinforzerà sicuramente tutto il reparto. In passato è stato allenato da Josè Mourinho che lo ha rivoluto fortemente a Roma. Di seguito le dichiarazioni di Nemanja Matic in conferenza stampa.

LE DICHIARAZIONI DI TIAGO PINTO

“Penso che Matic sia un calciatore che ha fatto più di 600 partite, 300 in Premier e vinto 9 titoli e non ha bisogno di presentazioni. Sono orgoglioso che uno come lui abbia scelto la Roma, poteva andare ovunque. La trattativa è stata fatta in 2-3 giorni. Una squadra si costruisce con la voglia e la qualità individuale. Matic se vuole così tanto venire alla Roma è un orgoglio per me. Ci aiuterà anche nella mentalità della squadra.”

LE DICHIARAZIONI DI NEMANJA MATIC

Benvenuto, solo Lampard ha giocato più partite con Mourinho. Qual è il tuo obiettivo con la Roma?

“Ci conosciamo bene, sono contento di ritrovarlo. La Roma è un grande club, sono molto felice. Solo Lampard ha giocato più di me con Mourinho, cercherò di superarlo. Questa squadra ha giocatori giovani e di qualità, non vedo l’ora di iniziare ad allenarmi”.

In italiano o in inglese?
Datemi tre mesi…(ride, ndr)“.

Cosa succede al Manchester United? Tu, Pogba e Cavani siete andati via. Come mai?
“Ho trascorso 8 anni e mezzo al Manchester e penso sia giusto lasciare. Io volevo provare una nuova esperienza. La Roma è stata molto attraente per me per provare un campionato diverso come la Serie A che rimane una grande sfida. La Premier è sempre interessante con tantissimi grandi club, ma ho preferito qui, quello italiano è sempre più interessante come campionato ma penso di aver fatto la giusta scelta. A Manchester c’è una rivoluzione dopo alcuni anni senza titoli. Non faccio più parte di loro da settimane ma posso dire che lì sono stato molto felice”.

Oltre Mourinho, cosa ti ha portato a Roma? Le immagini della Conference hanno avuto un peso sulla tua scelta?
“La trattativa è stata rapida e veloce perché le ambizioni mie e del club sono le stesse. La vittoria della Conference non ha inciso, è stato molto più facile. Quando prendo una decisione niente mi fa cambiare idea”.

Pellegrini può avere caratteristiche simili a quelle di Lampard?
“Pellegrini è uno dei giocatori più importanti, sono sicuro che avremo una grande intesa. Mi piace molto, come il resto della squadra. Preferisco non fare nomi per paura di scordare qualcuno”.

Preferisci giocare in un centrocampo a due o a tre?
“Mourinho può cambiare sistema di gioco in base ai suoi giocatori. In carriera ho giocato nel centrocampo a due e tre, mi adatto alle esigenze del mister”.

Perché hai firmato un anno con opzione secondo? Avevi altre offerte?
“Normale che arrivino diverso offerte, io volevo la Roma e tornare da José. Capisco la domanda, ho avuto altre offerte ma sono sicuro di aver fatto la scelta giusta”.

Prima di firmare con la Roma avevi già sentito Mourinho?
“Con Mourinho abbiamo un buon rapporto. Lo scorso anno non ci siamo sentiti, per la Roma lo abbiamo fatto qualche mese fa. Mi ha detto che mi voleva qui e questo è stato un fattore importante. Anche l’ambizione del club coincide con le mie, a maggio tireremo le somme”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa