Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma prova a mettere la freccia: la corte di José può convincere Dybala

Lo Special One ha chiamato l’argentino

Dal Portogallo ieri è partita una telefonata con destinazione Torino. Da una parte il telefono di José Mourinho, dall’altra quello di Paulo Dybala, che da qualche giorno è tornato nel capoluogo piemontese e continua ad allenarsi da solo, in attesa di capire cosa ne farà del suo futuro. E proprio di questo ha voluto parlare Mourinho, che aveva già chiamato l’argentino qualche giorno fa e che ieri ha voluto replicare la telefonata. E’ un po’ il suo modo di fare pressing e continuare a far sentire lusingato e coccolato la Joya.

Paulo in cuor suo aspetta sempre un segnale dall’Inter, dato che i nerazzurri restano ancora oggi la sua prima scelta, ma prima devono liberarsi dei contratti di Sanchez e uno tra Dzeko e Correa. Non è un’operazione facile, ma Marotta ci sta lavorando su. Il punto, però, è capire quanto Dybala sia ancora disposto ad aspettare. Ed è per questo che Mou sta alzando l’asticella, perché sa bene che esiste un pertugio per potersi infilare e non vuole farsi sfuggire l’occasione. Quando l’argentino chiedeva 7 milioni l’anno la Roma si era chiamata subito fuori, ma oggi che il tempo passa e le condizioni possono essere diverse, allora i giallorossi potrebbero piazzare il colpo. L’Inter resta comunque in pole e anche il Napoli, ma la Joya ha assicurato all’allenatore che continuerà a tenere in considerazione l’opzione giallorossa. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa