Resta in contatto

Rassegna Stampa

Nome nuovo per la difesa: piace Kiwior dello Spezia

Oltre ad un attaccante, si cerca anche un difensore

Sta diventando una corsa contro il tempo, quella della Roma verso Andrea Belotti. Tiago Pinto sta provando in tutti i modi ad accelerare il processo di sfoltimento della rosa, per liberare il posto per l’ex centravanti del Torino. Ieri il g.m. ha incontrato gli agenti di Justin Kluivert, che vuole solo il Fulham e ha rifiutato tutte le offerte arrivate a Trigoria. Non c’è ancora l’accordo definitivo sulla formula per il trasferimento a Londra, ma filtra ottimismo: l’obbligo di riscatto che la Roma vuole per lasciare andare il calciatore verrà esercitato in base alle presenze e sarà fissato a circa 12 milioni di euro.

La sola partenza dell’olandese, però, non basta: per accogliere il Gallo serve anche la cessione a titolo definitivo di uno tra Shomurodov e Felix. Sul ghanese ci sono la Salernitana e la Cremonese, che sembra essere in vantaggio grazie all’offerta, non ancora recapitata a Trigoria, che prevede un obbligo di riscatto fissato a 5/6 milioni di euro. Nessuna novità, invece, per Shomurodov al Bologna.

Per la difesa, invece, il nome nuovo è quello di Jakub Kiwior dello Spezia: mancino, classe 2000, forte fisicamente (1.90), ha giocato titolare all’esordio in campionato contro l’Empoli. I liguri lo valutano una decina di milioni (guadagna circa 800 mila euro) ma nell’operazione potrebbero rientrare alcuni giovani come Tripi e Volpato.

Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa