Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Tiago Pinto: “Wijnaldum tornerà più forte. Rimpiazzarlo? Abbiamo tempo per pensarci””

Il General Manager giallorosso: “Dispiace per Gini. Ringrazio i pochi media che non hanno cercato un colpevole”

Intervistato da DAZN prima di Roma-Cremonese, Tiago Pinto ha parlato della situazione legata a Wijnaldum, di mercato e di Zaniolo.

L’infortunio di Wijnaldum può avere ripercussioni?
“È vero che eravamo in un’onda positiva, ma questo è il calcio e non possiamo lamentarci o fermare l’entusiasmo. Dispiace a tuti, ci abbiamo messo tanto per portarlo qui e come ha scritto il mister è diventato in 15 giorni uno della nostra famiglia. Ma anche lui è molo positivo, dobbiamo fermarci e capire cosa sia meglio per lui e tornerà più forte. Devo ringraziare i pochi media che non hanno cercato un colpevole per questa situazioni, tutti noi nel calcio abbiamo una responsabilità sociale e anche voi come giornalisti. Quelli che sono andati a cercare un colpevole e mettere il nome di un ragazzo…solo chi non ha giocato a calcio può scrivere. Noi siamo una famiglia, abbiamo allenamenti come tutti e mi dispiace anche per questo. Faccio i complimenti ai giornalisti che hanno avuto la capacità di capire che quella non era la strada giusta da seguire”.

Cercherete un altro centrocampista?
“Avremo tempo per pensare di questo. Le ultime ore sono state pesanti per noi, detto questo abbiamo ancora tempo”.

Su Zaniolo
“Ha fatto un pre-campionato incredibile, sta bene e a fine mercato ne parleremo. Quel che è chiaro è che sta bene e sta migliorando. L’anno scorso lo dicevo che sarebbe stata una stagione difficile per lui, che doveva riprendersi da un infortunio. Per il mercato parleremo il 2 settembre”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra