Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Era importante partire bene e offrire una buona prestazione”

L’allenatore della Roma Femminile dopo la vittoria a Pomigliano: “Questo è un gruppo che deve farsi sempre trovare pronto, perché sono tutte calciatrici importanti e tutte devono essere pronte”

Alessandro Spugna ha parlato dopo l’esordio vincente della Roma Femminile in campionato contro il Pomigliano (0-2). Le parole dell’allenatore giallorosso: “Era importante partire bene, fare i tre punti e offrire una buona prestazione. L’abbiamo fatto e non era assolutamente scontato, sappiamo la difficoltà di giocare su questo campo. Devo fare i complimenti al Pomigliano per l’atteggiamento e per la voglia di fare la partita. Però noi siamo state brave, perché oggi le ragazze sono entrate veramente con la voglia di conquistare questi tre punti e di iniziare il campionato nel migliore dei modi”.

Tante note positive, tra queste anche il gol di Giacinti…
“Valentina Giacinti si è messa a disposizione, da quando è arrivata sta lavorando molto bene. Avevamo tutti voglia di questo suo gol, lei per prima e siamo contenti di questo. E poi lo siamo per tutte le ragazze che hanno giocato, che avevano avuto un minutaggio più basso in Champions e hanno fatto molto bene. Questo è un gruppo che deve farsi sempre trovare pronto, perché sono tutte calciatrici importanti e tutte devono essere pronte”.

Tre partite giocate tra Champions e campionato, il bilancio è positivo?
“Avevamo l’incognita Champions, perché non c’eravamo mai state e dovevamo scoprire. Invece abbiamo fatto molto bene. Per quanto riguarda il campionato, dovevamo partire bene e devo fare i complimenti alle ragazze e allo staff. È stato un inizio di stagione con delle complicazioni, perché molte ragazze non c’erano e si sono aggregate dopo, ma poi hanno lavorato veramente molto bene“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile