Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Zanetti: “I complimenti di Mourinho fanno piacere. Questa è la mentalità che voglio”

Le parole del tecnico dell’Empoli al termine del match

Paolo Zanetti ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match casalingo perso contro la Roma. Queste le sue dichiarazioni:

Mourinho le fa i complimenti.
“Fanno piacere, ma conta il risultato. Chiaro che sono amareggiato”.

C’è rammarico?
“Usciamo dalla gara convinti che possiamo fare bene, loro sono stati più concreti. Abbiamo fatto una gara coraggiosa, abbiamo preso due pali, abbiamo avuto coraggio. Questa è la mentalità che voglio. C’è rammarico perché avevamo assaporato la possibilità di prendere dei punti”.

Il rosso?
“Non era un fallo cattivo, Akpa Akpro andava per prendere la palla. Un rosso che è arrivato nel nostro momento migliore”.

Cosa serve a vincere?
“Conto le occasioni create, non posso fare un confronto con la Roma. Loro hanno dei campioni che devono vincere lo scudetto. Abbiamo avuto sfortuna. Gli attaccanti stanno facendo bene, devono continuare ad avere fiducia. Con la Roma potevamo mettere il pullman sulla linea di porta, ma abbiamo preferito un altro approccio”.

L’episodio su Satriano?
“Ho chiesto uniformità. In Spezia-Sassuolo è stato dato un rigore in questo modo. Satriano ha un buco sul naso. Faccio fatica a comprendere il metro di giudizio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News