Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma in bianco senza Dybala, Atalanta maestra di cinismo

I giallorossi sprecano l’impossibile e lasciano i punti alla Dea

La palla è quadrata. Nel senso che i numeri non spiegano tutto nel calcio, ma molto sì. Roma e Atalanta si sono presentate allo scontro diretto con questi numeri. Differenza tra gol segnati ed expected gol: Atalanta +0,20 e Roma -5,39. Indice di pericolosità offensiva: Atalanta 50,3 e Roma 62,5. La partita ha confermato al massimo livello queste tendenze.  La Roma ha creato molto di più (21 tiri a 4, 5 a 1 nello specchio della porta) ma ha sprecato l’inverosimile. L’Atalanta ha creato tre occasioni – il gol di Scalvini, con un bell’inserimento; un tiro alto di Muriel; un quasi autogol di Ibanez – ma ha capitalizzato e portato a casa tre punti pesantissimi per la classifica. Nessuno si deve vergognare a difendersi e, come quelle della Roma (Dybala infortunato nel riscaldamento, Wijnaldum, Karsdorp, El Shaarawy), contano anche le assenze della Dea (Zapata, Dijmsiti, Zappacosta, Palomino).

In quattro trasferte di campionato l’Atalanta non ha subito nemmeno un gol. Ieri deve ringraziare Sportiello (entrato al posto di Musso, steso dal “fuoco amico” di Demiral) e gli sprechi sciagurati di Abraham e Shomurodov, ma il dato dice molto. Non è più la squadra che faceva brillare gli occhi con il suo gioco arrembante, però i punti sono punti. Alla Roma è mancato Dybala. Con lui almeno un pallone sarebbe finito in porta. Quello che ci ha provato di più è stato Zaniolo, che ha dato vita a una battaglia con l’arbitro Chiffi. Nel primo tempo c’è stato un contatto più che sospetto con Demiral in area di rigore, ma il giallorosso è rimasto in piedi e l’arbitro non ha fischiato e non è andato a rivedere. Mou si è inferocito: “Ho chiesto a Chiffi perché non ha dato quel rigore. Se per averlo bisogna cadere, allora cambierò le indicazioni ai miei giocatori, dicendo loro che si devono buttare per terra“. Sull’episodio si può discutere, non sulla pessima direzione di Chiffi che ha permesso all’Atalanta il fallo sistematico (19) e graziato De Roon da un’ammonizione clamorosa a inizio partita. Il primo di molti errori. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa