Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma produce ma raccoglie poco: Mourinho studia soluzioni

Numeri preoccupanti per il reparto offensivo

Doveva essere un attacco da far paura, nel senso letterale del termine. Ed invece finora la Roma ha girato a vuoto nella sua produzione offensiva, con il solo Dybala a salvarsi davvero tra i giocatori offensivi a disposizione di Mourinho. Per gli altri, finora, rendimento ondivago (vedi Zaniolo, El Shaarawy e Pellegrini) o assai deludente (Abraham, Belotti e Shomurodov). Il risultato sono quei piccoli otto gol segnati in queste prime sette giornate di campionato, che collocano la Roma al nono attacco del torneo, alle spalle anche della Salernitana (10 reti) e di una delle Juventus più deludenti di sempre (9 gol).

Ma quel che preoccupa davvero è altro e cioè quello che ha sottolineato più volte Mourinho in questo inizio di stagione: “Dobbiamo essere più cinici, la gente di talento che abbiamo lì davanti deve essere più cattiva“. E questo è talmente vero e preoccupante che la Roma è addirittura in testa alla classifica degli expected goal (la probabilità che un tiro diventi goal, appunto), con un dato totale dopo sette giornate di campionato di 17,51. Insomma, la Roma segna meno della metà di quanto dovrebbe fare per quanto costruito a livello di quantità di tiri e di pericolosità. Alle spalle dei giallorossi, ad esempio, c’è in seconda posizione il Napoli, il cui dato è 14,90 a fronte però di 15 reti totali (in buona sostanza, la squadra di Spalletti realizza esattamente quanto produce). Poi Inter 14,19 (11 gol), Milan 13,53 (13), Salernitana 9,93 (10), Udinese 9,80 (15), Lazio 9,79 (13) e Juventus 9,57 (9). A conti fatti, Udinese e Lazio sono quella che girano meglio da questo punto di vista. Che gli attaccanti stiano deludendo lo dimostrano anche altri numeri. La Roma è infatti quarta in Serie A per numero di tiri totali. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa