Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I sogni di Dybala: “I tifosi, Mourinho e il club: a Roma mi sento rinato. Ora voglio il Mondiale”

Le parole di Paulo Dybala dal ritiro dell’Argentina

A sgombrare il campo da qualsiasi equivoco ci pensa direttamente lui, da Miami, dove è in ritiro con l’Argentina per preparare le due amichevoli in vista del Mondiale di novembre. Già, perché qualcuno a Roma ha storto la bocca proprio su questo: perché con l’Atalanta no e con Honduras e Giamaica sì? Al di là del fatto che bisognerà poi vedere se e come Paulo Dybala giocherà quelle due partite, la risposta la dà direttamente la Joya.

“Domenica scorsa avevo un affaticamento, sentivo che non ero al 100% e i medici lo sapevano — dice dal ritiro dell’Albiceleste – È stato necessario saltare una partita per non rischiare di saltare un mese. E per fortuna gli esami che abbiamo fatto successivamente sono andati tutti bene”.

Già, e quel fastidio al flessore della coscia sinistra non si è rivelato nulla di più grave. Per fortuna della Roma, che quasi sicuramente potrà averlo a disposizione già al ritorno, contro l’Inter, il primo ottobre. Ma anche dell’Argentina, che su di lui punta da qui fino al Qatar.

E allora adesso penserà proprio all’Argentina, per poi tornare a focalizzarsi sui giallorossi. “Quando si avvicina un Mondiale si vuole sempre andare in nazionale e io non volevo mancare. Io come tutti gli altri do il massimo per esserci, poi la lista dei convocati la deciderà il c.t.. E farò di tutto per far sì che Scaloni mi veda e possa contare su di me. C’è un clima bello intorno a noi, la gente sogna e noi anche viviamo così, cercando di essere il più professionali possibile, ma con grande fiducia in noi stessi”.

Poi Paulo torna sulla Roma, sugli ultimi anni con la Juventus e sull’accoglienza che gli ha tributato la gente giallorossa. “A Roma sono tornato a sentirmi importante, gli ultimi anni alla Juventus non sono stati facili, cambiare aria mi ha fatto bene. Mourinho e Tiago Pinto mi hanno parlato del progetto e della voglia di continuare a vincere, dopo la Conference League dello scorso anno. Ed essere protagonista in una squadra così mi aiuta tanto“.

E l’inizio di stagione è lì a dimostrarlo, con Dybala capace in otto partite di mettere a segno 4 gol e piazzare due assist. Da quando è in Italia sola una volta era partito meglio, nel 2017/18. E non è certo un caso che sia diventato presto l’idolo assoluto della gente.

Che, in verità, lo aveva già accolto come si fa con un piccolo grande re, con una presentazione esclusiva, solo per lui, e dieci mila persone all’Eur. “Quel giorno è stato speciale: allo stadio sei con i compagni, lì ero da solo e non mi era mai capitato prima. Per passione il tifoso romanista è simile a quello argentino e diverso da quello juventino. Hanno una pazzia bella, per loro viene prima la squadra della famiglia. Vivono il calcio come noi, sento questo affetto, mi piace stare a Roma“. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa