Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Promessa tradita: Zaniolo, il rinnovo ancora in stand by

Al momento nessun contatto tra l’entourage di Nicolò Zaniolo e Tiago Pinto: ma il ragazzo lavora sodo

La “convocazione” era stata annunciata in pompa magna, durante la conferenza stampa post mercato di Tiago Pinto, ma al momento alle intenzioni non hanno trovato seguito i fatti. Nessuna chiamata, nessun contatto: da Trigoria nessuno si è fatto vivo con l’entourage di Zaniolo per iniziare a intavolare una trattativa per il rinnovo di Nicolò.

L’ultimo contatto è rimasto quello negli ultimi giorni di mercato, quando un paio di club erano tornati a chiedere informazioni su Nicolò. Di tempo ne è passato e il telefono dell’agente, Claudio Vigorelli, è rimasto muto. L’ipotesi di un rinnovo resta tale, nonostante la scadenza 2024 si avvicini e con questa il pressing di altri club. Anche perché, complice la sosta Mondiale, quest’anno le squadre inizieranno a fare mercato molto prima dell’inizio formale delle trattative: già a novembre, non ci sarà altro a cui pensare per dirigenti e ds.

E che qualcuno possa ripensare a Zaniolo è molto più che una possibilità. E Nicolò? Lui è concentratissimo sulla Roma e sulla stagione, che vive come una definitiva consacrazione, dopo il gol in finale di Conference. A caccia del primo centro stagionale, ha già messo nel mirino la sfida di San Siro con l’Inter.

Non a caso, mentre da ieri i compagni sono liberi – Mourinho ha concesso 4 giorni di riposo a chi non è stato convocato in Nazionale – Zaniolo è rimasto a Trigoria. Ha chiesto al tecnico portoghese di lasciargli a disposizione un preparatore per svolgere del lavoro personalizzato fino a domani, quando poi raggiungerà la famiglia. Comportamenti che smontano la narrazione di un ragazzo sopra le righe. Lo scrive La Repubblica.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa