Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala in campo negli Usa: Mourinho preoccupato per l’Inter

L’argentino è l’osservato speciale dello Special One

José Mourinho è in ansia per Paulo Dybala e lo sarà fino al ritorno della Joya a Roma. L’Argentina, con il giallorosso in campo, sfiderà in amichevole la Giamaica a New York alle 2 del mattino (ora italiana) di mercoledì. Soltanto giovedì è previsto il primo vero allenamento di Paulo a Trigoria, a 48 ore dal match con l’Inter.

Nella partita contro Honduras (finita 3-0, gol di Lautaro e doppietta di Messi), Scaloni ha scelto di spedire Dybala in tribuna per preservarlo e dargli modo di recuperare completamente dall’infortunio al flessore della coscia sinistra: “Non volevo rischiarlo, giocherà la prossima gara”, ha spiegato. Una certezza che turba Trigoria dato che Paulo aveva saltato il match contro l’Atalanta, era partito semi-infortunato, non si era allenato con la squadra in nazionale e non ha giocato.

Come rientrerà la Joya? Ad ascoltare il selezionatore argentino non ci dovrebbero essere problemi, sarà abile e arruolato per la sfida contro i nerazzurri del 1° ottobre. Ma a valutare sarà Mourinho che dovrà fare molta attenzione per non rischiare di perderlo per un periodo più lungo.

Ci sono delle probabilità, seppur basse, che con i nerazzurri possa cominciare dalla panchina perché la gara contro la Giamaica non sarà solo un’amichevole, ma anche un’opportunità per dimostrare la voglia di restare aggrappato al gruppo che volerà in Qatar. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa