Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala sogna lo sgambetto: c’è l’Inter. E spunta l’idea charter

Che sfida a San Siro: la Joya non vuole mancare

Paulo Dybala tornerà a Roma giovedì. Per poi allenarsi soltanto venerdì, alla vigilia della partita contro l’Inter, appena in tempo per salire sull’aereo che porterà la squadra a Milano. La società si sta muovendo per capire se sia possibile accorciare i tempi di viaggio, magari condividendo con le altre squadre italiane interessate un volo charter che decolli dagli Stati Uniti subito dopo la partita.

Non è la situazione ideale. Ma poteva andare peggio. Quando Dybala si è fermato nel riscaldamento contro l’Atalanta, Mourinho ha temuto di perderlo per un mese. Rinunciando all’Atalanta, Dybala si è garantito un futuro clinico più sereno.

Del resto nella Roma che produce più occasioni da gol di tutti ma non riesce a segnare il suo contributo è insostituibile: 5 gol su 8 sono venuti dal suo piede, tra tiri in porta e assist. La squadra senza Dybala perde talento e imprevedibilità. Di conseguenza è meno efficace nelle aree di rigore avversarie. Per questo è stato chiamato, a questo tornerà a dedicarsi una volta rientrato a Trigoria.

Ovviamente, come dall’altro lato del campo il collega Lautaro Martinez, non sarà al cento per cento della condizione psicofisica a San Siro. In questi giorni ha svolto solo allenamenti personalizzati, senza forzare, anche dopo un colloquio con i medici della Roma. Ma dopo l’estate turbolenta, in cui l’Inter lo ha sedotto e abbandonato, è immaginabile che le sue motivazioni siano altissime per il primo confronto diretto. All’Inter ha già segnato 4 gol in 17 partite con la maglia della Juventus, l’ultimo dei quali proprio a ottobre nello scorso campionato. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa