Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da Abraham fino a Dybala: Trigoria ritrova altri big

Mou rimette insieme i pezzi per sfidare l’Inter

Finalmente Trigoria torna a ripopolarsi. Perché dopo le partite di ieri, adesso tutti i nazionali sparsi per il mondo sono tornati davvero a Roma. Non tutti ancora a disposizione di José Mourinho, però, perché alcuni faranno ritorno nella Capitale solo nella giornata di oggi. È il caso di Paulo Dybala, ad esempio, che atterrerà a Fiumicino solo questa sera, di ritorno dagli Stati Uniti.

O di Rui Patricio, che ieri sera era invece a Braga, in Portogallo, per la sfida tra i padroni di casa e la Spagna, ultimo giro delle partite della fase a gironi della Nations League. E infine di Roger Ibañez, che ieri in Francia ha affrontato con il suo Brasile la Tunisia, anche qui in una amichevole di preparazione ai Mondiali del Qatar. Nel frattempo, però, già da oggi torneranno ad allenarsi gli altri nazionali impegnati fino alle partite di lunedì.

Insomma, da oggi riprenderanno a Trigoria con Mourinho anche i vari Cristante (Italia), Shomurodov (Uzbekistan), Zalewski (Polonia), Celik (Turchia), Abraham (Inghilterra) e i giovani Bove e Volpato, entrambi impegnati con le rappresentative giovanili azzurre (rispettivamente Under 21 e Under 20). E anche Viña, tornato dall’amichevole di Bratislava tra il suo Uruguay e il Canada. Per qualcuno di questi giallorossi questo giro di nazionali è stato avaro di soddisfazioni, basti pensare ad Abraham (doppia panchina) o allo stesso Viña, anche lui messo in disparte dal suo c.t.. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa