Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma a San Siro per sfatare il tabù Inter

L’ultimo successo in casa nerazzurra firmato dalla doppietta di Nainggolan

Quasi sei anni. È il tempo trascorso dall’ultima vittoria ottenuta dalla Roma contro l’Inter. Sono addirittura undici gli scontri diretti consecutivi con i giallorossi – tra Serie A e Coppa Italia – da cui i nerazzurri non escono sconfitti. Un tabù che va avanti dal 2017: precisamente dal 26febbraio, quando gli uomini di Spalletti riuscirono ad espugnare per l’ultima volta San Siro grazie ad una doppietta di Nainggolan e a un rigore di Perotti. Da allora, né all’Olimpico né in trasferta, la Roma è uscita con i tre punti quando ha incrociato il club di Suning: il bilancio delle sfide con Di Francesco, Fonseca e Mourinho in panchina infatti è di cinque pareggi e sei sconfitte.

Stavolta lo Special One sederà soltanto metaforicamente su quella del Meazza – è squalificato – ma provare a interrompere la striscia negativa e tornare a vincere uno scontro diretto è fondamentale per lanciare un segnale al campionato, soprattutto dopo la sconfitta immeritata subita contro l’Atalanta. Mourinho potrebbe tornare a schierare contemporaneamente Pellegrini, Dybala, Zaniolo e Abraham dal 1′. Rimane da capire se anche questa volta il tecnico deciderà di assistere al match da una location alternativa – in passato aveva scelto il pullman della squadra – o se sederà in tribuna insieme a Tiago Pinto e al resto della dirigenza. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa