Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou sorride: con l’Inter una squadra a km zero

Tanti giallorossi rimasti a riposo con le nazionali

Allenati, freschi e motivati. Josè Mourinho sorride e per una volta la Roma non deve maledire la sosta per le Nazionali. Lo Special One, in vista del big match con l’Inter di sabato (arbitra Massa), avrà tutti a disposizione (fatta eccezione per Wijnaldum) e potrebbe schierare un undici in cui il solo Celik ha superato il quarto d’ora di gioco (180′ con la Turchia). Dybala, infatti, tornerà oggi nella capitale con 0 minuti sulle spalle. L’Argentina ha deciso di lasciarlo in tribuna anche nella sfida vinta con la Giamaica. «Voleva giocare ed è a un livello molto buono ma abbiamo deciso di non rischiarlo», ha dichiarato il ct Scaloni. La Roma ha gradito. Niente fatica pure per Abraham che non ha giocato nemmeno un minuto con l’Inghilterra per scelta tecnica.

Il tridente sarà completato da Zaniolo punito da Mancini che ieri ha riaperto la porta: «La Nazionale è aperta anche a chi ha sbagliato, basta chiedere scusa». Il numero 22 si è allenato a Trigoria anche nei giorni di riposo. Poco dietro c’è Pellegrini, tornato da Coverciano dopo nemmeno 24 ore per un problemino ormai passato del tutto. A completare l’undici a km zero ci sono Rui Patricio, Mancini, Matic e Spinazzola oltre a Ibanez impiegato appena 11′ nell’esordio col Brasile. Altra storia per Cristante (180′) e Zalewski (169′) che dovrebbero partire dalla panchina. Diversa la situazione in casa Inter che, oltre a imprecare per l’infortunio di Brozovic, Inzaghi conta i tanti minuti giocati da titolari come Dumfries (180′), Barella (153′), Lautaro (101′), Skriniar (180′), Dzeko (119′) e Bastoni (45). Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa