Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La difesa non riposa, Dybala c’è sempre

Smalling guida la difesa, Dybala l’attacco

Mourinho non può fare turn over. Quella di stasera è una partita complicata che la Roma deve vincere, dopo aver lasciato in Bulgaria i tre punti nella prima gara contro il Ludogorets. E allora a parte Pellegrini (ancora alle prese con il fastidio al flessore), Mourinho manderà in campo i migliori giocatori a disposizione, a cominciare dalla difesa, che sarà confermata in blocco. Mancini, Smalling e Ibanez formano un reparto collaudato, che dà sicurezza alla squadra come vuole l’allenatore. Senza Pellegrini saranno confermati a centrocampo Matic e Cristante. Dybala sta bene e giocherà dall’inizio, a San Siro era uscito dopo un’ora per i crampi e perché aveva concordato così con l’allenatore dopo il lungo viaggio dagli Stati Uniti. Zaniolo sarà confermato, anche ieri Mourinho ha ricordato quanto sia importante per il gioco di squadra.

Nell’allenamento di rifinitura il tecnico ieri ha provato prima Belotti da solo e poi in coppia con Abraham, ma questa è una soluzione più da partita in corso che dall’inizio. L’ex granata ha dimostrato di aver recuperato la condizione, mentre Abraham non attraversa un periodo particolarmente felice, ma Mourinho ha sempre grande fiducia nei suoi confronti. La decisione su chi schierare verrà presa in extremis, con il Gallo che si gioca le sue chances. Un altro ballottaggio potrebbe riguardare la fascia sinistra, con Zalewski pronto a tornare titolare al posto di Spinazzola. A destra confermato Celik, anche se contro l’Inter non ha brillato in occasione del gol di Dimarco. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa