Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Allarme Roma: già 4 ko. Segna soltanto Dybala, Zaniolo e Abraham in crisi

Tanti infortuni e pochi gol. Solo Dybala è in forma nel tridente d’attacco

La sconfitta casalinga col Betis Siviglia ha compromesso (irrimediabilmente?) le possibilità della Roma di vincere il girone di Europa League e ha complicato anche il passaggio del turno come seconda. Ma, soprattutto, ha evidenziato delle criticità già emerse nelle passate settimane.

Sul piatto della bilancia, oggi, sono più le cose che non vanno rispetto a quelle che funzionano: tra queste ci sono senza dubbio la vena realizzativa di Paulo Dybala, arrivato al sesto gol stagionale tra campionato (4) e coppa (2), e lo splendido momento di forma di Smalling.

Ci sono però molti problemi. Innanzitutto, la Roma perde tanto. Quella col Betis è stata la quarta sconfitta stagionale, un numero troppo elevato su undici gare. E se quelle contro gli spagnoli e l’Atalanta, entrambe all’Olimpico, sono arrivate dopo due prestazioni convincenti, in altre occasioni come a Udine o con il Ludogorets (ma anche con la Juventus a Torino, dove poi è arrivato un pareggio), la Roma è scomparsa dal campo per larghi tratti. Un difetto di concentrazione su cui sta lavorando Mourinho.

Altro problema: la Roma segna poco, e ad eccezione di Dybala non lo fa con gli attaccanti. I gol in totale sono 15 in 11 partite (10 in 8 giornate di campionato): su più della metà c’è il marchio della Joya, che ha realizzato 6 reti e sfornato 2 assist. Lo score degli altri è deficitario: Abraham è fermo a 2 centri, Pellegrini, Belotti e Shomurodov a 1, Zaniolo ed El Shaarawy sono inchiodati a 0. Troppo pochi per un reparto offensivo che è considerato tra i migliori del campionato.

Altro nodo che sta avendo un impatto sulla squadra è quello degli infortuni: ad oggi ci sono fuori Celik, Wijnaldum (ieri ha tolto il gesso), Karsdorp e Darboe; Pellegrini è in dubbio per il Lecce. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa