Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Maledizione Dybala: lesione confermata e Mondiale a rischio

Dybala si ferma e rischia di saltare il Mondiale

Il primo a rendersene conto è stato lui. Quelle lacrime trattenute a stento in panchina da Paulo Dybala erano la reazione emotiva di chi aveva capito subito l’entità del danno. Rigore calciato, fitta intensa e improvvisa alla coscia, l’incubo della fragilità che ritorna. Il cattivo presagio condiviso da Mourinho  si è purtroppo avverato, ieri la mazzata è arrivata puntuale: la risonanza magnetica effettuata dall’argentino a Villa Stuart ha confermato la lesione muscolare al retto femorale sinistro.

Né la Roma, né l’entourage del calciatore hanno voluto comunicare l’esatto grado della lesione, ma siamo più vicini – se non addirittura oltre – al secondo che al primo. Questo significa che Dybala non giocherà altre partite con i giallorossi nel 2022 e che rischia di saltare il Mondiale.

Sulla partecipazione alla rassegna in Qatar ci sono ancora speranze, il giocatore ha iniziato la riabilitazione e il muscolo starebbe reagendo bene a questi primissimi giorni post-incidente, ma il punto lesionato è vicino a quello di un precedente infortunio, dove il tessuto è meno elastico per via della cicatrice. Così, dopo giorni non privi di tensione fra le parti, è stata concordata una comunicazione stringata della diagnosi senza aggiungere troppi dettagli, anche per cercare di contenere l’eco della notizia in Argentina. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa