Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, ora Dybala vede il Mondiale. Zaniolo in rimonta

Dybala punta dritto al Mondiale in Qatar

Anche Dybala, naturalmente, al derby del prossimo 6 novembre non ci sarà ma negli ultimi giorni Paulo ha ritrovato almeno mezzo sorriso. Due i motivi: 1) il recupero dall’infortunio alla coscia sinistra, che si è procurato tirando e segnando il calcio di rigore contro il Lecce lo scorso 9 ottobre, prosegue bene anche grazie ai trattamenti con i fattori di crescita; 2) Il commissario tecnico dell’Argentina, Lionel Scaloni, ha deciso di inserirlo in ogni caso nella lista dei 35 pre-convocati per il Mondiale del Qatar (20 novembre-18 dicembre).

Dybala, in accordo con lo staff medico si sta curando con i fattori di crescita, l’unica procedura consentita dai protocolli internazionali per non incorrere in squalifiche: il trattamento è in grado di stimolare la rigenerazione dei tessuti ed è previsto un trattamento a settimana per quattro settimane.

Questo, però, è il futuro. Il presente è la partita di domenica contro la capolista Napoli (fischio d’inizio alle 20.45). L’esperimento del 3-5-2 ha convinto Mourinho: la squadra è più “corta” e difende qualche metro più avanti senza schiacciarsi pericolosamente dentro l’area, un difetto che è costato i gol contro l’Atalanta e contro il Betis Siviglia.

È probabile che lo Special One confermi il modulo anche contro il Napoli, con piccoli cambiamenti: Karsdorp a destra e Zalewski di nuovo a sinistra, Camara in ballottaggio con Matic. Il dubbio riguarda gli attaccanti. In tre – Abraham, Belotti e Zaniolo – si giocano due maglie. Contro la Samp hanno giocato i due centravanti, contro il Napoli potrebbe toccare a Zaniolo dal primo minuto. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa