Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Prestazione sufficiente per non perdere. Matic era infortunato”

Le parole del tecnico giallorosso al termine del match

José Mourinho ha parlato ai microfoni di Dazn al termine del match perso per 1-0 dalla Roma all’Olimpico contro il Napoli. Queste le sue dichiarazioni:

Avete fatto una partita che vi aspettavate?

“Prestazione sufficiente, volevo vincerla. Un paio di tiri in porta e un gol per vincerla. Partita equilibrata, siamo andati in difficoltà dopo due gialli. Tanta stanchezza, poche soluzioni in panchina per fare lo stessa prestazioni. Karsdorp titolare è stata una sorpresa, come lui anche Spinazzola non ha i 90 minuti sulle gambe. Pellegrini mi ha chiesto il cambio, Matic infortunato. Sono difficoltà che dopo 70 mi si sentono. Sentimento di ingiustizia, un abbraccio ai miei. Bastava un gol”.

Partita preparata bene, concentrati è concesso poco. Ti aspettavi di più a livello offensivo?

“Mi aspettavo certo di più. Abbiamo avuto occasioni di 1 contro 1, le poche situazioni che abbiamo avuto non siamo riusciti a sfruttarle. Sono una squadra di qualità, l’accumulo di cartellini gialli è stato un problema. Non voglio parlare sulla questione arbitrale, è un uomo equilibrato ma ci sono cose che nelle partita non mi sono piaciute. Ci ho parlato a fine partita”.

Avete cercato meno nel secondo tempo ?

“Abbiamo abbastanza la pressione per stanchezza. Karsdorp e Spinazzola erano in forte difficoltà. Abbiamo fatto meno e ci siamo abbassati e loro hanno dominato di più, hanno fatto meglio. Pura stanchezza, primo tempo controllato. Abbiamo fatto una buona partita vista la nostra panchina, abbiamo diversi infortuni. Sono comunque contento dei ragazzi. Giovedì abbiamo un’altra partita”.

Margine di crescita quale può essere?

“Bisogna avere determinate qualità che ora non abbiamo. Dobbiamo essere più decisivi, tiri in porta. I giocatori fanno la differenza, mi dispiace guardare lo sforzo dei miei perché si è sfidata una squadra fresca contro una in sofferenza. Per me hanno vinto senza meritare, ma comunque complimenti. L’arbitro è serio ma non ha fatto una buona partita”.

MOURINHO IN CONFERENZA STAMPA

Partita decisa da un errore di Smalling. Come si può mettere gli attaccanti in condizione di essere più pericolosi?

“‘Devo misurare bene le parole per non dire cazzate. È una buona domanda ma non voglio risponderti”.

Abraham sta facendo molto meno rispetto all’anno scorso?

“È la vita dei giocatori, succede. Spesso capita nel corso delle stagioni, possiamo trovare altri esempi in Italia o all’estero”.

Qualche errore nel secondo tempo, Zalewski avrebbe giocato?

“Sì, avrebbe giocato a destra. Karsdorp non era in condizione di giocare. Se si siede a fine primo tempo il ginocchio si blocca, è rimasto dieci minuti in piedi. La mia visione della differenza tra primo e secondo tempo è la stanchezza, quando scivola il quinto la pressione è più alta, ma quando è stanco la squadra si abbassa. E Rick era stanco. Cristante aveva paura di andare a contrasto perché era ammonito. Oggi io ho detto quest’arbitro è emozionalmente equilibrato, ma mi sbagliavo perché ha ammonito tutti al primo fallo e la stanchezza ha condizionato il secondo tempo. Eravamo più bassi. Anche con questa differenza il risultato non è corretto. L’arbitro ha sbagliato perché Lozano ha aggredito uno dei nostri, è stato espulso Rapetti”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra