Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pinto: “Abraham sarà il nostro capocannoniere. Dobbiamo fare sei punti nelle due partite”

Le parole del general manager della Roma prima della sfida di Europa League contro i finlandesi dell’Helsinki

La Roma è ospite dell’Helsinki per la quinta giornata della fase a gironi di Europa League. Prima della sfida, Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Di seguito le sue parole.

In avanti continuate ad avere qualche problema, soprattutto Abraham…
“Con il Napoli abbiamo sporcato bene la partita, ma ci è mancata un po’ di freddezza sotto porta. Nelle ultime partite i nostri attaccanti non hanno trovato il gol, è vero. Serve ritrovare fiducia. Si parla tanto di Abraham, ma io penso lui sarà il nostro capocannoniere a fine stagione. Lui lavora tanto per la squadra, ha conquistato due rigori decisivi. Però è vero, nelle ultime partite siamo stati meno efficaci sotto porta”.

Il Ludogorets sta perdendo, vi toglie pressione?
“Noi possiamo solo giocare la nostra partita. Dobbiamo fare 6 punti nelle due partite. Non sapevo il risultato del Ludogorets, se perde è meglio ma l’importante è che noi vinciamo le due partite”.

Fin qui solo una vittoria nel girone, è sorpreso?
“Ovviamente ci aspettavamo di avere più punti, ma siamo ancora in tempo per fare quelli che bastano. L’importante è andare avanti. L’anno scorso anche in Conference non abbiamo fatto un buon girone, ma poi abbiamo vinto la coppa”.

Oggi gioca Volpato, cosa si aspetta da lui?
“Per noi il settore giovanile è cruciale nel nostro progetto. Cristian lavora con la squadra da tanti mesi, Mourinho ha pensato che in questa partita potrà fare bene. Ovviamente sono contento che oggi gioca Volpato, come sono felice quando gioca Bove, Faticanti o altri giovani. Ora spetta a Volpato però dimostrare il suo valore in campo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra