Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Quel bambino australiano che ha incantato Totti e Mourinho

La notte di Volpato, il bambino che ha stregato Mourinho e Totti

Largo ai giovani. Non è una frase fatta per Mourinho. Crede nei ragazzi, in quelli bravi, in quelli che lo seguono e gli cambiano le partite. Magari con un tocco di fantasia, tipica della “Generazione Z”. Ieri, per Cristian Volpato un gol e un assist .”Non mi ero nemmeno scaldato prima di entrare. Sono felice di essere venuto qui e segnare, non ho mollato nulla. Che mi ha detto Mou? Che ho avuto culo”.

Un gol determinante arrivato a due minuti dal 90’ dopo che Abraham, Pellegrini, Zaniolo e Belotti le avevano provate tutte per sbloccare l’1-1. Dal Verona a Verona, i gialloblù sono la sua preda preferita.

Volpato è ormai in pianta stabile in prima squadra dallo scorso anno e a poco meno di 19 anni è diventato il più giovane giocatore della Roma a segnare e servire un assist in una gara di A dal 2004/05 (Opta). “Mi hai salvato il c…”, gli ha scritto Abraham, riferendosi ai suoi gol sbagliati.

È un italo-australiano nato a Camperdown, assisto da Francesco Totti che ieri poco prima di scendere in campo con la sua squadra di calcio a 8 per la finale di Supercoppa ha detto: “Sono molto contento per lui e che abbia aiutato a far vincere la Roma”. Poi lo ha chiamato per complimentarsi. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa