Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 4 novembre 2008: la Roma di Spalletti batte il Chelsea 3-1 (VIDEO)

Quarta giornata del girone di Champions League. La Roma si vendica dell’1-0 subito a Stamford Bridge. Panucci e Vucinic schiantano gli inglesi

Il 4 novembre del 2008 la Roma vinceva contro il Chelsea in Champions League. La partita, ritorno della sfida di Londra persa dai giallorossi per 1-0, vede la squadra di Spalletti vogliosa di mostrare le sue capacità davanti al pubblico romano. Nella prima mezz’ora di gioco la Roma si dimostra subito in forma, cercando di trovare il vantaggio in diverse occasioni. Al 34′ arriva il gol del momentaneo 1-0: sugli sviluppi di un calcio di punizione a metà campo Cicinho, defilato sulla sinistra, vede Panucci al centro e lo serve con un cross basso. Il difensore appoggia con il destro e spedisce la palla oltre le spalle di Cech.

Nella ripresa la Roma continua a spingere, e al 47′ arriva il raddoppio giallorosso: sugli sviluppi di uno scambio rapido Vucinic lascia partire dalla distanza un missile che si insacca all’angolino sinistro della porta Blues. Il montenegrino è in trance agonistica, tant’è che al 58′ trova anche il suo secondo gol della giornata: sulla sinistra il numero 9 si invola, mette a sedere il difensore inglese e con tutta calma spara in porta la rete del 3-0. Nel finale il Chelsea accorcia le distanze con il gol di Terry al 75′, ma alla fine è costretta a capitolare, complice anche l’espulsione di Deco all’80’. La Roma vince davanti al suo pubblico, riacquistando terreno sulle dirette avversarie per il passaggio del turno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord