Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Zaniolo: “Il gol lo dedico a mio figlio e a Mourinho. Dalla Champions non temo nessuno”

L’attaccante si carica in vista del derby

Nicolò Zaniolo ha parlato ai microfoni della Uefa dopo la vittoria contro il Ludogorets, in cui è stato protagonista con due rigori guadagnati e il gol del 3-1 sotto la Sud:

“Siamo forti, tutti uniti per un obiettivi che solo noi sappiamo. Vogliamo continuare a esultare per questa gente. I gol? Ho sempre pensato che potevo farli, ci sono periodi in cui la palla non entra e altri in cui ti sbatte addosso e entra, non mi sono mai preoccupato quando non segnavo perché se arrivi davanti al portiere tante volte è solo questione di precisione. In allenamento mi sono allenato tanto sulla finalizzazione e ora stiamo vedendo i risultati”.

Su Mourinho

“Mi ha chiesto di entrare e spaccare la partita, per fortuna ci sono riuscito. Lo ringrazio perché nei momenti meno brillanti da parte mia ha sempre creduto in me e oggi (ieri, ndr) ho dimostrato che posso essere importante per questa squadra

A chi dedichi il gol?

“Colgo l’occasione per dire che è per tutte le persone che mi sono state vicine: mamma, papà, il mio amico Alessandro, mio figlio Tommaso e i miei nonni”.

Sul sorteggio

“Non temo nessuno, siamo forti, pensiamo a noi e non chi abbiamo davanti. Dobbiamo entrare in campo e spaccare tutto”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra